Teroldego

Il Teroldego è la varietà a bacca rossa principe del Trentino, che trova nell'altopiano della Piana Rotaliana il suo territorio di massima elezione, rappresentata nei vini Teroldego Rotaliano DOC, una denominazione specifica che prevede espressioni di Teroldego in purezza dalle località di Mezzocorona, Mezzolombardo ed una frazione di San Michele all'Adige.

Il Teroldego viene coltivato in Trentino da tempo immemore, probabilmente già da prima dell'antica Roma; le prime documentazioni risalgono al 1300, a cui se ne aggiungono delle altre durante il Concilio di Trento. Sull'origine del suo nome sono state fatte diverse ipotesi; secondo alcuni è il “Tiroler Gold”, da oro del Tirolo, così come veniva chiamato dai regnanti austriaci che governavano il Trentino. Secondo altri ancora è stato importato dalla Valpolicella, ma l'ipotesi più accreditata è che prende il proprio nome da "Teroldeghe", nome di una località di Mezzolombardo, uno dei tre comuni storici del Teroldego Rotaliano.

Il Teroldego è una varietà estremamente versatile, in grado di dar vita ad ottimi vini rosati, così come rossi molto fruttati, adatti per un consumo da tutti i giorni, o anche vini con una certa struttura che potresti lasciare anche per 20 anni in cantina, come un Teroldego Riserva. La varietà ha una grande produttività, un tannino poderoso ed un'ottima acidità,  caratteristiche straordinarie che necessitano del giusto trattamento da parte dei vignaioli. 

Il Teroldego si esprime in Trentino con i migliori risultati nella Piana Rotaliana: si tratta di un altopiano situato a circa 200 metri sopra il livello del mare, circondato dalle Dolomiti. Questo altopiano (chiamato anche Campo Rotaliano), formatosi da uno scioglimento di un ghiacciaio millenni fa, è composto da suoli leggeri di origine alluvionale, terre drenanti, fertili e ricche di scheletro, dove si alternano strati sabbiosi ad altri limosi, oltre che cumuli di ghiaia e ciottoli portati a valle dal torrente Noce; caratteristiche uniche, amate dal Teroldego. 

L'area è protetta da venti gelidi grazie alle montagne circostanti, che d'estate contribuiscono a mantenere il calore e trasferirlo ai vigneti; i venti che soffiano dalla Val di Non, inoltre, creano un clima secco che permette una ottima e graduale maturazione delle uve.

Il Teroldego, nella sua versatilità, lo possiamo trovare sia in rosato che in rosso da tutto pasto, fruttato e di moderata struttura, ed anche in versioni più strutturate, come i Teroldego Riserva. Un Teroldego rosato è un ottimo abbinamento di sushi o frutti di mare; in versione di rosso fruttato è perfetto come tutto pasto, con dei primi al ragù di carne, mentre nelle espressioni più strutturate sopporta anche carni alla griglia, formaggi stagionati e risotti.

Da De Vigili a Endrizzi, da Fedrizzi a Zeni, scorri in basso e scopri la selezione di vini Teroldego dell'enoteca Wine Online.

In absteigender Reihenfolge
Seite:
  1. 1
  2. 2

In absteigender Reihenfolge
Seite:
  1. 1
  2. 2